TESTATA GIORNALISTICA ONLINE DEL CREA, ISCRIZIONE N. 76/2020 AL REGISTRO STAMPA DEL TRIBUNALE DI ROMA DEL 29/7/2020

12.1 C
Roma
venerdì, 1 Marzo 2024

I progetti CREA AN/1: PLAN’EAT, mangiare sano per tutti

Della stessa Rubrica

Il progetto Horizon PLAN’EAT intende promuovere l’adozione generalizzata di abitudini alimentari corrette e rispettose per l’ambiente con un approccio multi-sistemico e un ruolo attivo della filiera agroalimentare. Punterà a fornire all’Unione europea gli strumenti per l’attuazione di politiche nutrizionali e di sostenibilità efficaci, con un possibile grado di armonizzazione tra i diversi Paesi Membri, che includa questi temi nelle Linee Guida Nutrizionali delle nazioni europee.  

PLAN’EAT – “Trasformazione dei sistemi alimentari attraverso la promozione di comportamenti alimentari più sani e sostenibili da parte del consumatore” (https://planeat-project.eu/)  è un ambizioso progetto Europeo Horizon, di durata quadriennale, che coinvolge 24 enti e organizzazioni Europee e 12 Nazioni (Italia, Belgio, Germania, Grecia, Spagna, Francia, Ungheria, Irlanda, Olanda, Polonia, Svezia e Regno Unito).  

Intende adattare le produzioni alle indicazioni nutrizionali, migliorando non solo la salute dell’individuo, ma anche la sostenibilità ambientale. Un obiettivo da raggiungere mediante l’elaborazione di raccomandazioni dietetiche efficaci per il consumatore e la messa a punto di strumenti e interventi specifici per gli attori della filiera agro-alimentare. 

Si tratta, dunque, di un progetto di politica alimentare e nutrizionale che, attraverso una valutazione globale dei sistemi alimentari, definirà raccomandazioni specifiche per contesti specifici.  

Verranno effettuati, infatti, interventi mirati agli attori della filiera alimentare – come agricoltori, industrie alimentari, rivenditori e servizi di ristorazione – per creare ambienti alimentari appropriati. Inoltre, sarà svolto un lavoro dettagliato sullo sviluppo delle linee guida per una sana alimentazione a livello europeo, che includerà anche una valutazione delle strategie di comunicazione più idonee alla disseminazione di messaggi di salute pubblica. 

La attività di PLAN’EAT si articolerà in quattro fasi interconnesse tra loro:  

  • La mappatura dei modelli alimentari delle Nazioni partecipanti al progetto e di nove gruppi target (bambini in Francia, Polonia e Svezia; adolescenti in Francia, Germania e Polonia, giovani adulti in Ungheria e Irlanda, anziani in Spagna e Grecia, persone con diabete e basso status socioeconomico in Italia). 
  • La disamina dei fattori che influenzano il comportamento alimentare sia a livello individuale che a livello del sistema alimentare
  • Lo sviluppo e l’uso (per la prima volta) di un database e una metodologia di misura dei costi relativi dei vari modelli dietetici, che fornirà una visione integrata degli impatti ambientali, sociali e sanitari delle diete europee attuali e che permetterà anche di fare delle proiezioni per il futuro. 
  • La proposta di azioni di miglioramento delle politiche nutrizionali in collaborazione con gli attori della filiera alimentare, i consumatori e i responsabili delle politiche, attraverso lo sviluppo di raccomandazioni, strumenti e interventi efficaci. Verranno proposte raccomandazioni nutrizionali personalizzate e modelli di linee guida dietetiche a livello europeo. 

PLAN’EAT raccoglierà dati a livello nazionale delle nazioni partecipanti al progetto ed effettuerà interventi specifici su una rete europea di nove Living Lab (LL) e un Policy Lab, che verrà effettuato a Bruxelles, sede della Commissione e crocevia delle politiche europee. Questi laboratori viventi copriranno una ampia gamma di gruppi di popolazione (bambini, adolescenti, anziani), che variano per età, cultura, salute e stato socioeconomico. Il progetto ha l’ambizione, di fatto, di consentire a più di 58.500 consumatori europei di passare a modelli alimentari più sani e sostenibili entro il 2032, riducendo la mortalità prematura del 20% e le emissioni di gas serra provenienti dalle catene di approvvigionamento alimentare locale del 23% in 39 aree dell’UE. 

Nome del progetto: PLAN’EAT – “Trasformazione dei sistemi alimentari attraverso la promozione di comportamenti alimentari più sani e sostenibili da parte del consumatore” (https://planeat-project.eu/

Durata: 4 anni 2022-2026 

Partner: 24 partner pubblici e privati da 12 nazioni Europee call HORIZON-CL6-2021-FARM2FORK-01: finanziamento di 12 milioni di euro 

coordinatore Laura Rossi, Dirigente di Ricerca del CREA Alimenti e Nutrizione 

Laura Rossi
Dirigente di Ricercatore CREA Alimenti e Nutrizione

Nutrizionista esperta in nutrizione di comunità e salute pubblica. Coordinatore Generale Revisione delle “Linee Guida per una sana alimentazione” e Coordinatore generale Osservatorio Nazionale Sprechi Alimentari costituito in ambito CREA Alimenti e Nutrizione su richiesta del MIPAAF. Professore a contratto presso l’Università Roma Tre, L’Università di Roma La Sapienza e l’Università Campus Bio-Medico di Roma

#laFrase
Dieta sana è cibo vero, non troppo, e prevalentemente vegetale

Gli ultimi articoli